Introduzione all'E Learning con mezzi elettronici

Principi di base


Il termine "e-Learning" è apparso non molto tempo fa, più esattamente nel novembre 1999, quando è stato utilizzato da Elliot Masie alla sua TechLearn Conference a Disneyworld. Si riferisce all'apprendimento utilizzando il Web o qualsiasi altro mezzo elettronico ed è considerato una forma di apprendimento a distanza in quanto consente agli studenti di accedere a materiali e attività di apprendimento anche se non si trovano fisicamente in una sede scolastica.
L'e-learning ha iniziato ad essere utilizzato in modo apprezzabile nell'ultimo decennio e anche prima dalle organizzazioni per la formazione dei propri dipendenti e anche da individui desiderosi di aumentare le proprie conoscenze e sviluppare le proprie capacità. Diversi programmi educativi gratuiti e diplomi online possono essere trovati e realizzati su Internet.
Recentemente la rapida diffusione di COVID-19 ha comportato un numero enorme di sfide, a parte gli enormi problemi di salute che ne derivano. Una delle maggiori sfide è legata all'istruzione, poiché scuole, college e università hanno dovuto chiudere per un periodo di tempo non specificato.
L'intero processo di insegnamento è attualmente svolto online e agli educatori è richiesto di apprendere nuove abilità o migliorare quelle esistenti, al fine di gestire il nuovo approccio dell'atto educativo.
Quando si inizia a utilizzare l'e-learning nel processo di insegnamento, è necessario prendere in considerazione due aspetti principali:
 L'organizzazione e la progettazione dei materiali didattici
 Coinvolgere e motivare gli studenti durante l'attività didattica vera e propria

L'organizzazione e la progettazione dei materiali didattici  

Poiché l'e-learning è diverso dall'insegnamento tradizionale in classe, anche i materiali creati per l'apprendimento tramite mezzi elettronici devono essere progettati in modo tale da facilitare il raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi. Lo sviluppo della tecnologia fornisce molte alternative tra cui scegliere e incorporare nell'apprendimento al fine di rendere il contenuto di apprendimento attraente e abbastanza interessante per gli studenti.
Secondo "Multimedia Learning" di Richard E. Mayer, ci sono alcuni principi di base che influenzano il design e la struttura delle presentazioni multimediali. Questi principi per l'utilizzo di multimedia nell'eLearning sono applicabili nella creazione di preziosi contenuti eLearning e possono anche essere considerati una guida per molti sviluppatori che si occupano dell'inserimento di multimedia nell'eLearning.

1

Principio di coerenza 

Questo principio afferma che gli studenti imparano meglio quando parole, immagini e suoni non essenziali vengono esclusi anziché inclusi. Gli elementi importanti devono essere selezionati con cura, mentre gli elementi che creano disordine dovrebbero essere evitati, in modo che lo studente possa concentrarsi su alcuni elementi essenziali che sono richiesti e non essere distratto da elementi non necessari.

2

Principio di segnalazione 

Questo principio ispira gli sviluppatori a strutturare correttamente i contenuti di apprendimento. Il materiale dovrebbe iniziare presentando prima concetti più semplici, quindi passare a quello complesso e le parti importanti del contenuto dovrebbero essere evidenziate adeguatamente con ricapitolazione o altri mezzi. Questo aiuta a elaborare meglio il materiale e tenere a mente gli elementi essenziali.

3

Principio di ridondanza 

Quando si creano materiali di e-learning, è essenziale ricordare che gli studenti preferiscono non più di 2-3 elementi multimediali in una volta sola. Pertanto, è meglio includere grafica + narrazione o animazione + narrazione piuttosto che un misto di tutti gli elementi: testo, grafica, animazione e narrazione sullo schermo.

4

Principio multimediale 

È un fatto reale che gli studenti preferiscono imparare meglio dalle parole e dalle immagini che dalle sole parole. È importante e conveniente includere elementi grafici come grafici o schermate nell'eLearning.

5

Principio di contiguità spaziale 

Questo principio afferma che gli studenti scelgono di avere parole e immagini corrispondenti presentate vicine piuttosto che lontane l'una dall'altra sullo schermo. Questo allineamento di base può aumentare significativamente l'impatto sull'apprendimento, poiché gli studenti assimilano testo e immagini insieme, quindi comprendono appieno l'intero concetto.

6

Principio di contiguità temporale 

Nello spirito del principio precedente, questo principio afferma che gli studenti preferiscono che le parole e le immagini corrispondenti siano rappresentate simultaneamente piuttosto che in successione. Questa materia aiuta anche gli studenti a comprendere meglio il concetto di chi

7

Principio di segmentazione 

La base di questo principio è che gli studenti imparano meglio da una lezione ricca di contenuti multimediali quando è organizzata in porzioni a ritmo di utenti piuttosto che come un'unità ininterrotta. Il flusso di informazioni deve essere interrotto con pause adeguate, al fine di fornire allo studente il tempo necessario per elaborare e comprendere il materiale. Un corso di eLearning ben organizzato avrà innegabilmente più successo di uno ad alta velocità.

8

Principio pre-allenamento 

Questo principio afferma che gli studenti traggono i migliori benefici da una lezione multimediale quando conoscono i nomi e gli attributi dei concetti principali. Quindi, se stai presentando nuovi concetti, i nomi ei titoli degli argomenti chiave dovrebbero essere comunicati nelle prime schermate per assicurarti che gli studenti si abituino all'idea di andare avanti con quella conoscenza.

9

Principio di personalizzazione 

Il principio afferma che è meglio includere l'audio in uno stile informale piuttosto che in uno stile formale. Questo aiuta lo studente creando un ambiente più confortevole ma aumenta anche la sua attenzione, poiché l'apprendimento è informale e non vincolato.

10

Principio vocale 

Il principio afferma che gli studenti imparano meglio quando la narrazione nelle lezioni multimediali è fatta da una voce umana amichevole e non da una voce di macchina. Sebbene la narrazione generata dalla macchina possa essere disponibile e potrebbe anche essere un'opzione più economica, è meglio generare una narrazione fuori campo per garantire che gli studenti rimangano coinvolti nell'ascolto e nell'apprendimento.

Coinvolgere e motivare gli studenti durante l'attività didattica vera e propria

La maggior parte degli insegnanti concorderebbe sul fatto che sembra più difficile mantenere l'attenzione degli studenti attraverso le interazioni online che in classe, ma se le lezioni sono adeguatamente pianificate e incentrate sugli studenti, le cose potrebbero diventare facili.
Senza dubbio, dopo aver adottato completamente questo nuovo mezzo, gli insegnanti potrebbero essere impressionati dalla flessibilità e dall'interattività fornite da esso, nonché dai risultati.
La chiave segreta del successo sembra essere essenzialmente garantire il coinvolgimento del pubblico durante le lezioni. Se il pubblico è coinvolto, è anche attivo. La classe diventa un ambiente vibrante che incoraggia i risultati e i tipi di comportamenti che vorresti vedere. 
Tutto questo è possibile con un piano di gioco di insegnamento online incentrato sul divertimento.
Così, l'impegno diventa presto motivazione e la motivazione diventa presto un'abitudine.
In questa riga troverete di seguito un insieme di 13 “suggerimenti” (o meglio detti “suggerimenti”), estratti da
https://www.growthengineering.co.uk, che può aiutarti nella tua "avventura" di insegnamento online.

1

Scegli lo strumento giusto e provalo 

Prima di iniziare la tua prima lezione online, dovresti trovare un comodo strumento di videoconferenza che faciliti la connessione con i tuoi studenti. Attualmente ci sono abbastanza opzioni disponibili tra cui scegliere (ad esempio Zoom, Webex, Adobe Connect, Google Hangouts e altri). Sebbene molti di questi strumenti abbiano un'opzione gratuita, potresti richiedere un abbonamento a pagamento per soddisfare adeguatamente le esigenze dei tuoi studenti. Dopo aver selezionato uno strumento, assicurati di imparare a usarlo correttamente. Devi acquisire familiarità con questo strumento per poter supportare i tuoi studenti nel caso ne abbiano bisogno e per garantire la fluidità della tua attività.

2

Invia inviti e istruzioni chiare

Quando hai impostato l'evento in classe, il passaggio successivo è che vieni invitato dai tuoi studenti. Di solito questo viene fatto all'interno dello strumento di videoconferenza. Il tuo invito dovrebbe comprendere un'agenda, istruzioni di partecipazione e un elenco di materiali che i tuoi studenti dovranno avere con sé.
Se è previsto che utilizzino le loro webcam o i loro microfoni durante la sessione in classe, dovresti informarli di questo, dando loro l'opportunità di prepararsi in modo appropriato.
Poco prima della sessione in aula (circa 15 minuti), dovrebbe essere inviato loro un promemoria, per assicurarsi che le istruzioni di partecipazione siano loro accessibili.

3

Stai al sicuro 

Con il recente picco di utilizzo della videoconferenza, è stata effettuata un'analisi approfondita della sicurezza offerta dagli strumenti di videoconferenza. È possibile e necessario adottare una serie di misure per garantire la protezione di insegnanti e studenti durante le loro attività educative. Si consiglia di adottare i seguenti passaggi per la sicurezza delle sessioni di studio online:
- Gli inviti alle riunioni non devono essere condivisi nei forum pubblici.
- Usa la protezione tramite password per le tue riunioni.
- Utilizza una "Sala d'attesa" per controllare chi partecipa alla riunione.
- Assicurati di riconoscere tutti i membri nella stanza.
- Assicurati di sapere come controllare (e rimuovere) i partecipanti.

4

Mostra il tuo viso 

Una voce che non è associata a un viso non è così coinvolgente come vedere la persona in azione. Quindi, l'insegnante dovrebbe accendere la videocamera e interagire direttamente con i suoi studenti. Dovresti assicurarti di parlare direttamente nella videocamera per mantenere la loro attenzione, poiché è stato dimostrato che garantisce una connessione più personale con i tuoi studenti.
Ma le cose non finiscono qui. L'insegnante non deve sedersi troppo vicino o troppo lontano dalla telecamera. Inoltre, dovrebbe controllare l'illuminazione e l'acustica della telecamera. Rimuovendo questi fattori di distrazione, aiuterebbe i tuoi studenti ad applicare la loro attenzione nel modo giusto.

5

Imposta regole di base 

Le aule online produttive richiedono una strategia di insegnamento. È necessaria una struttura chiara e la struttura richiede regole. Avere regole di base chiare definisce le aspettative per i tuoi studenti e li incoraggia a prendere sul serio il tuo evento in classe.
Queste regole dovrebbero aiutare a limitare le interruzioni e le distrazioni non necessarie, garantire un background di apprendimento sicuro e fornire a tutti pari prospettive di partecipazione.
Il galateo online dovrebbe essere discusso con gli studenti e le aspettative degli insegnanti dovrebbero essere chiarite riguardo a:
- Il modo in cui dovrebbero porre domande?
- Dovrebbero essere "muti" mentre stanno ascoltando?
- Sono autorizzati a utilizzare la funzionalità "Chat"? In tal caso, quali sono i limiti che gli imporrete per una cosa del genere?
La nostra raccomandazione è di scrivere un elenco di regole di base e di esaminarle all'inizio di ogni sessione in classe.

6

Segui i principi del microlearning 

sperimentato e concordato dalla maggior parte degli insegnanti. Gli esperti di sviluppo infantile notano che gli intervalli di focalizzazione variano con l'età dei bambini.
Ad esempio, uno studente di 6 anni può concentrarsi su un argomento per 12-18 minuti, mentre uno di 12 anni può concentrarsi su 24-36 minuti. Quando crei il piano della lezione, devi considerare l'età del pubblico.

I principi del microlearning potrebbero essere utilizzati per aiutare gli studenti a rimanere concentrati. Questi principi suggeriscono di dividere il contenuto in unità più piccole, che possono essere assimilate facilmente e rapidamente. Quindi gli argomenti di grandi dimensioni dovrebbero essere suddivisi in elementi più piccoli e dovrebbe essere preparato un piano per la comunicazione di ogni elemento.

Una migliore concentrazione potrebbe essere ottenuta utilizzando una sequenza di mezzi al fine di ottenere una certa varietà all'interno della lezione. L'alternanza tra introdurre un concetto, riprodurre un video, porre domande e concludere le risposte, utilizzare giochi educativi e quiz stimolerà l'interesse e manterrà l'attenzione degli studenti.

7

Registra le tue lezioni 

Registrare le sessioni in aula online può rivelarsi una pratica conveniente per diversi motivi. Queste registrazioni potrebbero essere utili per gli studenti che non sono stati in grado di partecipare, in modo da poter colmare un po 'il vuoto visualizzando i record.
Potrebbero anche essere utili per i riassunti degli studenti, ma allo stesso modo potrebbero rivelarsi utili per l'insegnante per l'autovalutazione e l'orientamento al miglioramento.

8

Controlla periodicamente

L'insegnante dovrebbe controllare periodicamente i suoi studenti. Dovrebbe assicurarsi che il pubblico comprenda ciò che è stato trattato finora, facendo alcune domande stimolanti e ponendo agli studenti più domande.

È importante assicurarsi che gli studenti non vengano lasciati indietro durante le lezioni online ed è altrettanto importante determinare cosa dovrebbero fare gli studenti se ritengono di non comprendere appieno alcun elemento della lezione.

Gli insegnanti possono anche utilizzare la funzione di polling degli strumenti di videoconferenza, poiché la maggior parte di essi dispone di tali funzionalità integrate. In questo modo, l'insegnante può essere in grado di determinare il livello di conoscenza del pubblico su un determinato argomento, prima di passare all'argomento successivo nel programma della lezione. 

9

Monitorare la chat 

Molti strumenti di videoconferenza hanno anche una funzione di "chat" che potrebbe essere utilizzata dai partecipanti per comunicare tra loro. L'insegnante deve decidere se questa funzionalità verrà utilizzata all'interno delle lezioni online e in che modo.

È necessario definire linee guida chiare su come utilizzare la "chat". L'insegnante deve monitorare l'uso di ortografia, grammatica e punteggiatura corrette da parte degli studenti e deve assicurarsi che non sia consentito un linguaggio incitante o scortese. L'area “Chat” dovrebbe essere controllata regolarmente, poiché aiuta anche a monitorare il livello di focalizzazione e il livello di conoscenza

10

Fornire attività interattive 

Gli insegnanti dovrebbero incorporare attività interattive nella loro classe online e dovrebbero eliminare il più possibile la passività degli studenti. Tali esempi di attività sono: attività rompighiaccio, presentazioni, puzzle, sessioni di brainstorming, giochi, revisioni tra pari, presentazioni, quiz e persino gite virtuali.
Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al coinvolgimento di tutti gli studenti nelle attività, compresi quelli che sono meno estroversi di altri. Dopo aver esaminato i vari tipi di attività, l'insegnante sarà in grado di selezionare quelli che risuonano meglio con i suoi studenti. Diverse attività di questo tipo possono essere svolte dal docente contemporaneamente tramite lo strumento di videoconferenza.

11

Assegnazioni e gruppi di breakout 

Proprio come nei corsi di apprendimento tradizionali, durante quelli online l'insegnante può anche suddividere una classe più grande in gruppi e assegnare ad ogni gruppo vari compiti. Questo sembra funzionare bene per la maggior parte del tempo, perché incoraggia il coinvolgimento tra pari, stimola il tutoraggio e spinge la creatività. Inoltre, la maggior parte degli strumenti per conferenze dispone di funzionalità di "sala riunioni" (Zoom, ad esempio, consente fino a 50 sessioni distinte per riunione).
In qualità di ospitante, l'insegnante potrà passare da una sessione all'altra come ritiene, al fine di controllare i progressi. Gli studenti discutono l'argomento assegnato all'interno dei loro gruppi, quindi tornano alla sessione principale e una volta che i tuoi studenti hanno avuto la possibilità di discutere un argomento all'interno dei loro gruppi, possono tornare alla sessione principale in classe e concedere i loro risultati. Sebbene possa richiedere una configurazione, questa è una tecnica utile nel portfolio degli insegnanti, che si sta sempre rivelando utile.

12

Esplora altri strumenti gratuiti 

Una vasta gamma di strumenti può essere utilizzata come integrazione per proteggere gli studenti; interesse ed entusiasmo durante l'apprendimento online.
Ad esempio, Animoto consente agli studenti di creare video clip di 30 secondi di ciò che hanno imparato. Inoltre, uno strumento word cloud, una soluzione di quiz o giochi di apprendimento potrebbero essere utilizzati per garantire l'interesse dello studente.

Alcune meccaniche di gioco potrebbero essere implementate anche all'interno dell'aula online. Molte ricerche indicano che la gamification è uno strumento di coinvolgimento vantaggioso. Questo vale in particolare per gli insegnanti che si sono presi il tempo di creare la propria strategia di gamification basata su ciò che sanno dei propri studenti.

Un esempio potrebbe essere l'uso di uno strumento online gratuito per la creazione di badge per fornire badge virtuali agli studenti che pongono domande adeguate. Oppure, è possibile mantenere una classifica virtuale o un contatore basato sui risultati del quiz e l'insegnante dovrebbe assicurarsi che venga aggiornato regolarmente per evitare disimpegno o demotivazione.

13

Richiedi feedback dai tuoi studenti 

Gli insegnanti dovrebbero richiedere regolarmente feedback ai propri studenti online. Ciò aiuterà l'insegnante ad assicurarsi che le esigenze del pubblico siano soddisfatte e la metodologia possa essere migliorata.

Per un insegnante che ha appena iniziato a ospitare classi online di recente, il feedback è davvero molto utile, poiché gli dà l'opportunità di affrontare le preoccupazioni, apportare piccoli cambiamenti e costruire la sua fiducia.

Esistono diversi modi per raccogliere il feedback; o al termine della sessione in aula, tramite e-mail o emettendo un sondaggio non firmato. Una volta raccolti i risultati, l'insegnante dovrebbe prendere in considerazione tutti i commenti e. Assicurati solo di dare la dovuta considerazione a tutti i commenti e dimostra di essere di mentalità aperta riguardo alle esigenze di cambiamento rappresentate dal feedback.

Conclusioni

Affrontare lo sviluppo digitale e passare alle sessioni in aula online può essere spaventoso. Mantenere il livello di interesse può essere ancora più difficile, poiché la quantità di informazioni che gli insegnanti devono elaborare in anticipo per farlo è enorme.
Eppure c'è un'opportunità per trasformare i limiti fisici in possibilità illimitate di studio e sviluppo nell'ambiente virtuale. La tecnologia di oggi rende le esperienze di apprendimento più accessibili, altamente interattive e completamente accattivanti, a condizione che gli utenti abbiano la spinta, il focus e la curiosità per attraversarle.
Quindi dimostra che l'eLearning è uno strumento educativo adeguato non solo per gli studenti delle scuole ma per tutti i tipi di discenti, in quanto promuove la nozione di apprendimento permanente e la crescita di una società che apprende - nelle istituzioni educative e nelle organizzazioni.
Con l'aumento della portata di Internet e dei dispositivi mobili, l'utilizzo dei contenuti multimediali nell'eLearning sta diventando sempre più un metodo popolare e preferito per l'apprendimento nelle aziende e negli istituti di istruzione. Seguendo questi principi di progettazione, una varietà di elementi multimediali può essere infusa nell'eLearning, con risultati migliori.

Risorse

• “13 suggerimenti per gli insegnanti: come rendere divertenti i tuoi corsi online ”, pubblicato il 12 maggio 2020 su https://www.growthengineering.co.uk;
• "10 Principles for Planning the Use of Multimedia in eLearning", pubblicato il 19 dicembre 2016 su https://elearningindustry.com, da G-Cube Webwide Software Pvt Ltd
Puoi anche considerare:
• "7 Tips for Choosing Multimedia for Your eLearning Courses", pubblicato il 5 maggio 2014 su https://elearningindustry.com, da Christopher Pappas

Finanziato dal Programma Erasmus+ dell'Unione Europea
Il sostegno della Commissione Europea alla produzione di questa pubblicazione non costituisce un'approvazione dei contenuti, che riflettono il punto di vista dei soli autori, e la Commissione non può essere ritenuta ¬responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni in essa contenute. 

Questa è una RISORSA EDUCATIVA APERTA creata dal team di SLIDE all'interno del progetto SLIDE. Sei libero di usare, adattare, riprodurre e condividere il lavoro fintanto che non lo usi commercialmente e indichi il creatore (SLIDE Project Team 2018-1-RO01-KA201-049382). Maggiori informazioni QUI.